Sempre più dispositivi elettronici entrano a far parte della nostra vita quotidiana, e sempre più spesso assistiamo a collaborazioni tra aziende con l’obiettivo d’integrare prodotti e software di marchi diversi in modo da renderli più duttili e funzionali. È il caso di Salto e di Comelit, che hanno deciso di collaborare per la realizzazione di una piattaforma per la videocitofonia in grado di soddisfare ogni possibile esigenza da parte del cliente, anche in un edificio con molti condomini.

Salto Comelit

Un’installazione a prova di errore

Salto è un’azienda spagnola nata nel 2001 con l’obiettivo di realizzare un sistema globale di controllo degli accessi, a cui è stato dato il nome di Salto KS, efficiente, semplice da usare, da installare e da gestire. In questo contesto nasce la partnership con Comelit per l’integrazione con Salto KS dei videocitofoni Comelit. Il progetto ha preso forma alla fine del 2018 quando lo staff di Salto è venuto in Italia per discutere con gli esperti Comelit di tutte le azioni da intraprendere per integrare le funzioni di videocitofonia Comelit nell’app Salto KS. Per poter usare le interessanti modalità nate da questa collaborazione, è necessario dotarsi di una serratura Salto e di un citofono Comelit.

La prima cosa da fare è attivare il citofono Comelit dall’app Salto. Per farlo l’amministratore del condominio fornisce a ogni inquilino dei codici unici o degli specifici file. Per garantire la massima sicurezza possibile, ogni codice o file può essere usato una sola volta e attiva un singolo dispositivo Comelit. L’inquilino deve creare un account nell’app Salto e, tra i servizi KS, deve scegliere Comelit. Ora può attivare il dispositivo Comelit manualmente, tramite il codice in suo possesso, o automaticamente, caricando il file .mug che gli è stato fornito dall’amministratore. Il file configura lo specifico citofono Comelit installato senza che sia necessario alcun intervento da parte dell’inquilino, evitando input manuali e diminuendo il rischio di errori. A seguire, un tutorial mostra i vantaggi e le funzionalità del servizio Comelit KS.

Un videocitofono nel nostro smartphone

Quando un ospite arriva all’ingresso principale del palazzo e inserisce il numero di un determinato appartamento, il sistema Comelit invia un messaggio push all’app mobile Salto KS. Questa notifica è leggibile sull’app dello smartphone o direttamente sul videocitofono ed è l’equivalente di una normale telefonata alla quale possiamo rispondere o scegliere d’ignorarla. Se rispondiamo, si attiva una comunicazione bidirezionale con il citofono Comelit e possiamo parlare direttamente con chi abbia suonato al citofono. Dall’app o dal videocitofono possiamo anche eventualmente aprire il portone. Se l’ospite non è noto, possiamo avviare uno streaming video (a seconda del tipo di citofono Comelit installato) per vedere chi abbia suonato e quindi decidere se concedergli o negargli l’accesso.